Ci piacerebbe…

Lidia Menapace Presidente
Ci piacerebbe un Presidente della Repubblica che avesse fatto la Resistenza.
Un Presidente della Repubblica che avesse fatto la scelta della nonviolenza.
Un Presidente della Repubblica femminista.
Una Presidente della Repubblica.
Lidia Menapace. Il momento è adesso.
Per proporre che alla Presidenza della Repubblica finalmente vada una donna, una donna della Resistenza, una donna della nonviolenza, una donna del femminismo; una donna della cultura e dell’impegno civile, una donna costruttrice di pace e di democrazia, di giustizia e di solidarietà, di legalità e di misericordia, di riconoscimento di umanità, di affermazione di tutti i diritti umani per tutti gli esseri umani.
Questa donna, lo abbiamo pensato in molte persone, è Lidia Menapace.
Perché questo miracolo sia possibile occorre che ogni persona che condivide
questa proposta faccia la sua parte: che la diffonda, l’argomenti, la faccia conoscere fra tutte le cittadine e tutti i cittadini, e particolarmente la faccia conoscere alle persone che fanno parte del Parlamento della Repubblica Italiana e che nelle prossime settimane dovranno eleggere il nuovo capo dello Stato.
In un momento cosiì incerto e così decisivo per l’Italia e per il mondo, impegnamoci affinché alla Presidenza della Repubblica ci sia finalmente una donna, una donna della Resistenza, una donna della nonviolenza, una donna del femminismo: Lidia Menapace.