Critica della ragion laica

Pietro Barcellona Critica della ragion laica Città Aperta Edizioni pag.114 €10,00

Pietro Barcellona è il pensatore che più di ogni altro negli ultimi anni ha legato il dinamismo degli affetti a quello del pensiero. Questo suo ultimo libro, scandito da un lungo dialogo con Michele Afferrante e Maurizio Ciampa, torna a riflettere su tale legame, dove sono in gioco loa libertà stessa dell’uomo e il suo futuro, dando un contributo assolutamente creativo all’ampio dibattito che, negli ultimi mesi, si è andato sviluppando, con punte assai polemiche, sul tema della laicità e del rapporto fra coscienza civile e credo religioso.

Seguendo il corso del libro attraverso il pensiero moderno, le scienze sociali, l’antropologia, la psicoanalisi, il lettore si troverà proiettato al di fuori degli angusti confini di due dogmatismi assolutamente complementari: quello dello scientismo e quello espresso dalla religione istituzionale.

Il libro può essere letto anche come una prospettiva di liberazione dal potere schiacciante di questi due dogmatismi, come una possibile via d’uscita.

La laicità viene così ridefinita come radicale interrogazione sull’uomo e le cose che lo circondano. Si portà allora guardare con occhi nuovi, gli occhi della consapevolezza e della responsabilità umane, ai nodi che sembrano stringere, e talvolta soffocare, la vita di tutti: il potere soverchiante della tecnica, le questioni poste dalle nuove scienze della vita, il processo di globalizzazione, ma anche l’articolazione della famiglia umana e quella dello spazio sociale.