Cecilia

Certe mattine indosso un vestito bianco;

e m’accorgo che gli avvoltoi hanno il frac

ed eseguono in cielo perfetti giri di tango.

Carissimi, Pace e Bene.

I poveri di qui mi ricordano i poveri di Babele (Genesi 11), spinti nella Torre dai potenti di allora. Dio confuse le lingue, perché Babele fallisse e i poveri, senza più Torre, tornassero liberi nel loro ambiente. Io pensavo: “Manaus è come Babele; è meglio che faccia le valigie e fugga!”.

Ma la settimana di Pentecoste, sono stato alla veglia funebre di Cecilia; lì una giovane donna disse: “Cecilia amava la città di Manaus; lei ha adottato 14 figli, e io sono una di loro. Chi viveva in strada, chi era picchiato dai suoi… poteva entrare nella casa di mamma Cecilia a far parte della sua famiglia. Oh, non ha avuto vita facile! Un figlio è stato ammazzato, altri sono finiti in prigione, o l’hanno fatta soffrire. Ma lei era così: ottimista, buona, ma proprio buona, come un pezzo di pane!”. Per Cecilia la città di Manaus non era la Torre di Babele: a lei piaceva vivere in città; non sognava neppure di tornare in campagna o in foresta. Mamma Cecilia, nella sua semplicità, rappresentava Gerusalemme e il Cenacolo dove lo Spirito Santo è sceso sugli apostoli.

Importante è che la città non si lasci prendere dallo spirito di orgoglio ed egoismo (come Babele), ma che si faccia guidare dallo Spirito Santo, spirito di amore (come Gerusalemme). Il messaggio di Cecilia è d’accettare la sfida della città, sia pure la periferia violenta di Manaus. Ho deciso di restare.

= Ma ciò non toglie che gli ultimi mesi siano stati duri, ve lo confesso.

* I nostri progetti sono sempre più costosi e intralciati da esigenze burocratiche del governo.

* Manaus é centro e corridoio di droga che è spacciata perfino sulla porta degli asili infantili!

* Le sette (non son chiese ma imprese) stanno disgregando le comunità cattoliche e protestanti. Dicono alla gente: Dio ha stabilito che se pagate le decime (10%), avrete abbondanza; noi siamo qualificati per raccogliere le decime; in cambio vi diamo gli show della fede. (Strategia vincente!)

* Con la periferia che si gonfia, cresce il problema della casa; 300 famiglie che hanno occupato il “Buracão” (“Bucone”, paludoso), contano 30 casi di tubercolosi…

= Siamo tribolati da ogni parte ma non schiacciati (2Cor 4,8). Ci son sempre segni di ripresa.

* I ladri mi hanno rubato tv e radio? Adesso, che pace!

* C’é necessità di costruire 4 saloni per le celebrazioni e attività sociali? Cominciamo anche se i soldi ancora sono insufficienti.

* Come Chiesa, per le prossime elezioni di ottobre, coscientizziamo la gente, perché non si lasci ingannare da candidati corrotti, ma voti in quelli impegnati nel bene comune e nei diritti umani.

* La nostra Radio comunitaria ha celebrato 9 anni di vita con 30 nuovi radialisti dilettanti.

* 200 nostri adulti e giovani stanno facendo una missione visitando tutte le case.

* Abbiamo il “rosario degli uomini”, per riflettere su vita-e-Bibbia e organizzare la solidarietà.

* E ci sono cento mamme Cecilia. … …

= Ecco allora la mia preghiera: Signore non lasciare che io mi stanchi di fare il poco di bene che mi è possibile. Signore, non lasciare che i nostri benefattori si stanchino.

Il Signore ci benedica, tutti.

p. Arnaldo DeVidi

Manaus, 24 Luglio 2010, 25 anni dalla morte di P.Ezechiele Ramin.

Mio indirizzo: P. Arnaldo DEVIDI,

Rua 196, Casa 94, Núcleo 16, Cidade Nova 3 – 69098-260 MANAUS-AM (Brasile)

e-mail: arnaldo.devidi@virgilio.it – Tel. 0055.92.32236157 – Cell. 0055.92.81414087.

Per offerte: Ccp 00204438: Procura delle Missioni Saveriane, Viale S. Martino 8 – 43100 Parma (Specificando: Per p. Arnaldo DeVidi)

—————————————————————————-

PS. * La coppa del mondo di calcio: una tragedia brasileira? Migliaia di chilometri di strade erano stati imbandierati; si viaggiava all’ombra! Tutti si aspettavano l’exa, cioé la sesta coppa brasiliana.

Ma Dunga, come Lippi, ha cercato i giocatori nell’infermeria degli anziani, mentre la coppa era organizzata come un futebol da spiaggia, per ragazzi. I “veterani”, non riuscendo a prendere confidenza con il (nuovo) pallone e con l’erba, vennero eliminati.