QUATTRO SÌ

Ai referendum del 12-13 giugno è necessario votare quattro sì.

Sì per liberare l’umanità dall’incubo della catastrofe nucleare.

Sì per difendere il diritto di ogni essere umano all’accesso all’acqua e il dovere delle strutture pubbliche di garantirlo a tutti.

Sì quindi per impedire che l’acqua – elemento fondamentale della vita – venga privatizzata, ridotta a merce, fatta oggetto di speculazione.

Sì per confermare l’uguaglianza di tutte le persone dinanzi alla legge.

Segnaliamo il sito del Comitato nazionale “Vota sì per fermare il nucleare”: www.fermiamoilnucleare.it

Segnaliamo il sito del Comitato referendario “2 sì per l’acqua bene comune”: www.referendumacqua.it

Segnaliamo anche il sito del Forum italiano dei movimenti per l’acqua: www.acquabenecomune.org

Segnaliamo la Costituzione della Repubblica Italiana e la Dichiarazione universale dei diritti umani.

Quattro sì ai referendum: per la legalità e la dignità, per la democrazia ed il bene comune, per la biosfera e per l’umanità.

(tratto da “La nonviolenza è in cammino”)