Un altro profeta ci lascia

Joseph Comblin nacque a Bruxelles il 22 marzo 1923 e fu ordinato sacerdote nel 1947. Laureato in Teologia all’Università Cattolica di Lovanio, fu inviato missionario in Brasile dal 1958.

Si stabilì a Campinas dove insegnò Chimica e Fisica alle Scuole Superiori. Successivamente, fu assistente della JOC (Juventude Operária Católica), diventando docente di teologia alla scuole dei domenicani di São Paulo e avendo come alunni Frei Betto e Frei Tito.

Dal 1962 al 1965 insegnò teologia in Cile, per passare all’Instituto de Teologia do Recife, invitato da Dom Helder Camara.

Dal 1969 collaborò alla fondazione dei seminari rurali a Pernambuco e a Paraíba. Queste esperienze rurali gli diedero spunto per la Teologia della Zappa (Teologia da Enxada).

Espulso dal regime militare nel 1971, visse in Cile per i successivi 8 anni. La pubblicazione del volume A Ideologia da Segurança Nacional, del 1977, provocò la sua espulsione anche dal Cile, da parte del regime di Pinochet nel 1980. Tornato in Brasile, si stabilì a Serra Redonda (Paraíba), dove fondò un nuovo seminario rurale e diede vita alla formazione di numerose comunità di base. Questo tipo di metodo era stato approvato da Paolo VI, ma invisa a Giovanni Paolo II che ne bloccò la continuazione.

Fondò numerosi movimenti laici: i Missionários do Campo (1981); i Missionárias do Meio Popular (1986); i Missionários de Juazeiro da Bahia (1989), in Paraíba (1994) e a Tocantins (1997).

È stato docente di teologia in Equador, Cile e Brasile. la sua bibliografia è vastissima, e testimonia ampiamente la teologia della liberazione in Brasile. Negli ultimi anni di vita si sra stabilito nel Sertão paraibano.

Macondo ha avuto l’onore di averlo come ospite alla festa nazionale del 2009.