questo è index.php

E dopo?

Interrogativi e speranze dei giovani d’oggi «Quante le strade che un uomo farà fin quando fermarsi potrà?Quanti mari un gabbiano dovrà attraversar per giungere a riposar?Risposta non c’è o forse chi lo sa, perduta nel vento sarà».[Bob Dylan] Me lo sono sentita ripetere a ogni bivio, a ogni scelta. Me lo sono chiesta io stessa […]

Leggi...

la Torà / Nefesh, Ruach e Neshamà

I livelli dello spirito In ebraico esistono diversi vocaboli per esprimere il concetto di “spirito-anima”, i più conosciuti sono: nefesh, ruach e neshamà. La parola spirito, ruach, appare per la prima volta nella Torà nei primi versi di Genesi:«In principio, Dio creò il cielo e la terra. La terra era sterminata e vuota, le tenebre […]

Leggi...

il Corano / Ruh e nafs

Spirito, anima, occhi e cuore Nella rivelazione coranica il termine ruh, tradotto normalmente con spirito, compare in tutto venti volte (poche). È legato a due contesti: alla creazione dell’uomo e a quello della rivelazione. Creazione e rivelazione sono dunque l’ambito dove lo Spirito agisce: – creazione dell’uomo (3 versetti)«Quindi gli ha dato forma e ha […]

Leggi...

il Nuovo Testamento / Anima e spirito

Oltre lo schema dualista anima e corpo Come possiamo interpretare la parola anima (oltre lo schema dualista di origine greca che ha impregnato tutta la nostra cultura classica) in un linguaggio attuale che rappresenti i nostri vissuti in un orizzonte di fede? Spirito: di noi la parte profonda Benedici il Signore, anima mia,quanto è in […]

Leggi...

Sorella Inter

Sì, avete letto bene. Mi piace pensare di avere una squadra di calcio come sorella e di avere soprattutto “quella” squadra, che rappresenta al meglio la mia proiezione più istintiva, viscerale, recondita, in fin dei conti più autentica. Non avrei mai potuto tuffarmi in un’immagine diversa né esiste al mondo un quadro che esprima così […]

Leggi...

Gli interrogativi dello Stato di diritto

Tra passato, presente e futuro Origini lontane In una delle più classiche e apprezzate storie del pensiero politico, quella di Gaetano Mosca, si ricorda un interessante passo biblico.Nel Libro dei Giudici, in particolare, si narra che Jotam – l’unico, tra i figli legittimi di Gedeone, a essere scampato allo sterminio dei propri fratelli per mano […]

Leggi...

Muoversi tra le ombre cinesi

Un’intelligenza binaria non basta Che domani sono qui Arrivano i cinesi, arrivano a milioni, più gialli dei limoni che bevi dentro al té… Così Bruno Lauzi, miliardi di anni fa. Era un quarantacinque giri con la fascetta bianca e rossa, che infilavamo dentro al mangiadischi arancione, tra Jeeg Robot d’acciaio e I sogni son desideri, […]

Leggi...

Dal silenzio di Buda alla vita di Pest

Due città in una Budapest e io ci siamo guardati subito negli occhi. Stessa tristezza, stesso silenzio, stessa impressione di riemergere a fatica da un passato di contraddizioni. E alla fine di tutto stessa autoironia intellettuale sulle nostre disgrazie,che appartengono soltanto a noi stessi e che, agli occhi degli altri, sono qualcosa di sfuggente, di […]

Leggi...

Bruxelles e le trasformazioni urbane

Come recuperare lo spazio privato dei suoi abitanti «[…] quel che ci commuoveva di più, che costituiva per noi un insegnamento inconfutabile, era l’architettura stessa della città. L’enorme Palazzo di Giustizia, che noi paragonavamo agli edifici assiri, è costruito su un’altura proprio al disopra dei quartieri poveri del centro, che domina con la sua orgogliosa […]

Leggi...

Il gioco dell’oca delle parole

Un malcostume verbale Segno, simbolo. Valore, principio. Due coppie di parole che condividono una medesima meccanica: la possibilità di essere scambiate, permutate l’una con l’altra, senza apparente dolore.Nel parlato e spesso anche nella pubblicistica questi termini vengono scambiati, veloci etichette buone per rimandare a un presunto “succo del discorso”. Ma dove sta?I segni dei tempi, […]

Leggi...

Il tempo del tradimento

Ancora sull’innocenza. Amo di vero amore i miei tre bambini. E adoro i bambini e i ragazzi che lasciano gli ormeggi e prendono il mare della vita adulta. Tutti. O quasi tutti. Alcuni – pochi – sono francamente insopportabili. Ma basta passare un quarto d’ora con i loro genitori per vedere il tradimento che hanno […]

Leggi...

Cronaca dalla sede nazionale

31 gennaio 2006 – Roma. Università la Sapienza. Pietro Barcellona festeggia i suoi settant’anni con i familiari e gli amici inaugurando una mostra di pittura che titola L’impossibile completezza, curata da Mario de Candia e Patrizia Ferri; nella stessa aula laboratorio di arte contemporanea apre con una tavola rotonda Il libro degli amici, prodotto dalla […]

Leggi...

Un incontro

Meninos de rua «La Storia, si capisce è tutta un’oscenità fino dal principio, però anni osceni come questi non ce n’erano mai stati. Lo scandalo – così dice il proclama – è necessario, però infelice chi ne è la causa! Già difatti: è solo all’evidenza della colpa che si accusa il colpevole… E dunque il […]

Leggi...

Cronaca dalla sede nazionale

2 novembre 2005 – Valle San Floriano, Marostica (Vi). Fa buio la sera e ci guardano ancora i morti con nostalgia dei nostri passi e dei nostri volti. Nella sede della Provalle, Fabio Lunardon convoca il comitato della marcia per sentire le voci (dei vivi), ascoltare i pareri, decidere sui prossimi incontri, in particolare si […]

Leggi...

Fotografare, un riposo per la mente

Perché fotografo? Dopo tanti tentavi di risposte – perché voglio testimoniare, perché è la mia missione, per vedere come sono le cose una volta fotografate – sono arrivato a una conclusione molto semplice. La fotografia mi permette di avvicinarmi alle persone, di aprire porte, di capire un po’ di più e, a volte, di condividere. […]

Leggi...

Interrogativi senza risposte?

Scorrendo le pagine di Madrugada La musica è finita, gli amici se ne vanno e tu mi lasci sola, cantava malinconica la voce di Ornella. È passata la festa, come un vento di primavera, si sono risvegliate le fronde sui rami, ha cantato il merlo, che sono tanti nel mio campo, e ora biondeggia il […]

Leggi...

Identità spezzate

Quando viene mutilata la storia dell’altro «Chi ama Dio non ha nessuna religione,a meno dello stesso Dio».[Rumi, mistico dell’Islam] «Nel cibo diviso si siede a tavola l’angelo».[Stefano Benni] Nel Senegal, sotto la dominazione francese, un africano viaggiava a piedi con la moglie incinta. La sera, poiché sua moglie aveva fame, l’uomo scavò in un campo […]

Leggi...

L’interrogazione filosofica e lo spazio della democrazia

Quali sono le domande che si pone oggi la filosofia? E quali le domande che le si pongono? A dir la verità, sono proprio queste domande quelle da cui – oggi e non solo oggi – prende le mosse la riflessione, o per meglio dire l’interrogazione filosofica. Infatti l’atteggiamento filosofico decisivo e fondamentale è l’interrogazione, […]

Leggi...

Il bene comune

Motore della politica, ruota della ricerca critica Laicità e politica L’interessante definizione di laicità come spazio dell’interrogazione mi pare sia di particolare rilevanza per la politica.La politica nasce, vive e si sviluppa in un ambito essenzialmente laico e come tale è frutto di riflessione e di ricerca continue.La politica è finalizzata al governo della società […]

Leggi...

Chi ha paura dell’affettività?

«Da quando vado a scuola ho scritto migliaia di pagine. Mi hanno sempre corretto, ma non mi hanno mai risposto».Partiamo da qui, da questo sfogo di uno studente all’ultimo anno di liceo. Nella sua affermazione vi è tutto il rammarico per tante opportunità sprecate. Occasioni di comunicazione che sono state mancate. Che c’entra il virtuale […]

Leggi...