Lettera-Invito… scrivi anche tu il tuo ricordo di Giuseppe Stoppiglia

A tutti gli amici di Macondo
A tutti i lettori di madrugada

«Il mio incontro con Giuseppe: ricordando la sua lezione».
Mandateci le Vostre parole per ricordarlo sulla rivista madrugada e sul sito di Macondo.

Carissime Amiche e Carissimi Amici,
Giuseppe Stoppiglia ci ha lasciato, ma cammina ancora accanto a noi: la sua vita, la sua voce, i suoi abbracci ci insegnano ogni giorno l’unica strada da seguire: il sentiero dell’amore.
Abbiamo deciso di dedicare interamente a lui il numero 117 della nostra rivista madrugada (il primo numero del 2020), riportando alcuni suoi scritti e dando spazio alle testimonianze dei tanti che hanno avuto l’avventura – e la fortuna – di incontrarlo sulla propria strada. Ci è parso questo il modo giusto per sentirlo ancora più vicino a noi. A tutti Voi chiediamo quindi di raccontare brevemente il loro ricordo di Giuseppe: il loro primo incontro, un episodio, una testimonianza, un dialogo, un momento particolare in cui sono venuti a contatto con il prete viandante…
Per dare spazio a tutti vi chiediamo uno sforzo di sintesi: cioè di non superare le 14 righe (non più di 190 parole, 1.000 battute compresi gli spazi).

Inviate le Vostre testimonianze a info@macondo.it entro il 31 dicembre 2019. Non vogliamo fare un panegirico di Giuseppe – non piacerebbe di certo neppure a lui –, ma provare a ricostruire, pezzo per pezzo, la meravigliosa vita di un uomo di Dio, innamorato degli uomini.

Gaetano Farinelli – presidente di Macondo
Francesco Monini – direttore di Madrugada