questo è index.php

Il volontariato: soggetto politico o strumento suppletorio?

Una domanda retorica, forse Capita di scrivere su un tema e di decidere solo alla fine quale titolo apporvi.Capita invece, come in questo caso, che il titolo venga già proposto dalla rivista come cornice dentro cui condurre un ragionamento. Ed è questo il nostro caso. Confesso che sono stato tentato di cambiare il titolo di […]

Leggi...

La concezione modesta del dono

Volontari: ignare pedine di un secondo gioco A proposto di volontariato c’è un discorso abbastanza diffuso negli ambienti connotati da una certa cultura politica, ma che a volte capita di ascoltare anche in strada o nei bar. Alcuni lo argomentano con dati e numeri, i più si limitano a sostenerlo e basta. Tema centrale di […]

Leggi...

Volontariato

Una verifica in controluce Premessa Ho esitato ad accettare l’onere di introdurre questo numero di Madrugada dedicato al tema del volontariato, non già per mancanza di simpatia per Macondo e affetto per Giuseppe, quanto per due motivi. Il primo è che non mi considero affatto un “esperto” del tema: penso di avere esperienza, quella sì, […]

Leggi...

Siamo un popolo privatizzato?

Alle fonti di una cultura individuale Chi ha raggiunto lo stadio di non meravigliarsi più di nulla, dimostra semplicemente di aver perduto l’arte del ragionare e del riflettere». [Max Planck] «Come sono poveri coloro che non hanno pazienza! Quale ferita è mai guarita se non col tempo?». [W. Shakespeare] Sul bus numero 5 sale un […]

Leggi...

Volontariato, opzione per il cambiamento sociale

Scorrendo le pagine di Madrugada All’inizio c’era il caos, poi Dio irradiò la luce nell’oscurità e plasmò il sole di spalle e in controluce la Terra che era opaca e ci fu la prima eclissi, la luna sorrise e si irradiò di luce convessa. Al chiar di luna riesco a leggere il controcorrente di Giuseppe […]

Leggi...

Terre e popoli senza pace

Kurdistan Le immagini di questo numero di Madrugada «Piccolo, figlio mio bambino fiore del mio campo tu mi domandi perché mai io, tua madre, t’abbia incatenato alla culla e stretto coi ceppi i teneri polsi. Tu sei un curdo fiero, figlioletto infiniti eroi affollano il tuo passato ma oggi il curdo è solo, nessuno l’aiuta […]

Leggi...

Refusi di cronaca

Partiamo di buon ora, la domenica mattina, per andare vicino a Mantova, in un paesino di quattromila anime seduto in riva al Po. Andiamo ad incontrare gli amici conosciuti durante il campo di quest’estate. Tutti siamo in qualche modo collegati ad un prete di Bassano un po’ folle. L’attrazione della giornata è la “conferenza” di […]

Leggi...

Macondo e dintorni

Cronaca dalla sede nazionale 1° novembre 1999 – Milano. Giuseppe incontra il poeta Vittorio Stringi e gli amici. «Immobili / restano i cavalli e / l’alto silenzio / si dipana: / un incontro / che si compie e / che mi sfoglia». (da “L’alto silenzio” pag. 17 di Arché di Stringi). 6 novembre 1999 – […]

Leggi...

Questo 2000 mi pare di conoscerlo

Anche se le date sono solo numeri e i numeri sono solo convenzioni; anche se un numero tondo tondo come il 2000 non è per forza di cose (o di qualche cabala) più favorevole o più fortunato di un numero complicato ed interminabile come il Millenovecentonovantanove; anche se tra i mille fuochi artificiali del Capodanno […]

Leggi...

Gerusalemme 2000

L’ordine convenzionale, con cui il nostro calendario cadenza il tempo, assegna a quest’anno un rilievo del tutto particolare: il passaggio di secolo e ancor più di millennio (l’uno che diventa due), che si coniuga con la memoria giubilare dei duemila anni dall’incarnazione. In una fase di trasformazioni tecnologiche, culturali e politiche in rapida accelerazione, attorno […]

Leggi...

Profezia e politica

Parola poetica Al lettore di Diario di un viandante, Giuseppe Stoppiglia fa dono di una parola poetica, metaforica e utopica. La parola di questo libro è una parola innanzitutto poetica: una parola in cui traspare e splende la bellezza della forma. Una forma espressiva e letterariamente accattivante, che ti sorprende e, sorprendendoti, ti cattura, ti […]

Leggi...

Il sorriso di un popolo

La stanza sparita Queste sono le mattine del non-risveglio. Essere svegliati da un rumore o da voci o da uno sbattere di porte o da un aprire gli occhi di un mondo che si è già svegliato e non ti aspetta: resta pure nel letto fratello mio che io son già partito. E tutto il […]

Leggi...

Se Dio ha bisogno dell’uomo…

La giustizia e la pace non sono un privilegio di pochi «La vita che scorre in silenzio diventa un racconto con pause, capitoli, punteggiature, personaggi…». (F. Sanvitale) «Dio è il Dio della libertà. Egli, che possiede tutti i poteri per constringermi, non mi costringe. Egli m’ha fatto partecipe della sua libertà. Io la tradisco se […]

Leggi...

Il popolo senza terra ha diritto alla terra senza popolo

Per celebrare adeguatamente il millennio della nascita di Gesù, dobbiamo riflettere su ciò che i cristiani hanno fatto delle vite umane e del mondo durante questi duemila anni e soprattutto in questi ultimi cinquecento, quando le nazioni cristiane hanno dominato il mondo. L’idea biblica di un giubileo, da celebrarsi ogni cinquant’anni, era di restituire le […]

Leggi...

Riforma agraria, unica via praticabile

I soliti “nodi” (irrisolti) Non è certo una novità, non stiamo scoprendo proprio niente di originale se mettiamo ancora una volta l’indice sull’abbandono massiccio e forzato delle campagne, come radice di gran parte dei problemi sociali del Brasile. Il fatto è che non vi sono segni importanti della volontà di intervenire, si concedono palliativi ma […]

Leggi...

L’orizzonte della grazia

Queste pagine si collocano in una prospettiva che non è né ebraica né cristiana ma nell’interstizio tra l’una e l’altra. Interstizio difficile ma, proprio per questo, euristico e potenzialmente interessante. Sostando in questo interstizio, con un occhio rivolto alla tradizione ebraica e con l’altro alla tradizione cristiana, si cercherà di rispondere a questa domanda: qual […]

Leggi...

Giubileo

L’anno della vita «Dichiarerete santo il cinquantesimo anno e proclamerete la liberazione nel paese per tutti i suoi abitanti. Sarà per voi un Giubileo; ognuno di voi tornerà nella sua proprietà e nella sua famiglia. (…) In quest’anno del Giubileo ognuno tornerà in possesso del suo». [Lv 25, 10.13] Dunque è di nuovo Giubileo. L’occasione […]

Leggi...

La fonte di energia (poesia per l’inverno)

Ad Anne. Son le foglie stesse che cadono quelle che alimentano. È la successione di fatti, date, emozioni che cadono e aspettano il loro tempo. È quel ch’era verde e appassisce. È l’aria e il sole accumulato. È la brezza d’ogni mattino, congelata. È il movimento a spirale verso l’alto della linfa e verso il […]

Leggi...

Per una civiltà della condivisione

Voglio riprendere sul Giubileo due idee suggerite con forza e chiarezza dal gesuita Jon Sobrino, teologo della liberazione, nel suo articolo per Concilium: «Dare speranza ai poveri e riceverla da loro». Un Giubileo dunque a due sensi, un “Giubileo totale”. I. Un Giubileo che non desse speranza ai poveri, con-donando tra l’altro il cosiddetto debito […]

Leggi...

Al decimo giorno del settimo anno

Scorrendo le pagine di Madrugada Caro lettore e cara lettrice, ho fatto il biglietto e parto; ho preso la linea Suzzara-Mantova che passa per Voghenza. E poi mi imbarcherò a Ferrara per Roma. Passando per Bologna la Rossa. Vado al giubileo. A Voghenza Enzo Demarchi mi ha accompagnato al treno con un libro di Sobrino; […]

Leggi...