logo macondo

Associazione MACONDO

per l'incontro e la comunicazione tra i popoli

Macondo e dintorni

di Farinelli Gaetano

1 novembre 2017 – Sant’Eusebio di Bassano del Grappa (Vi), Ristorante Arcobaleno. Ogni anno ritorna a trovare gli amici, a ricontattare le associazioni che collaborano ai suoi progetti. Il sindacato e Macondo parteciparono dieci anni fa a un progetto di formazione professione in Angola, che ebbe vita travagliata. Oggi appunto siamo a pranzo con lui, padre Adriano Ukwachiali, con gli amici tridentini, Michele e Alessia.
^ ^ ^
8 novembre 2017 – Valdagno (Vi). Questa mattina, alle ore sette, è morto Bruno Oboe, dopo lunga malattia. Sindacalista di lungo corso, aveva mantenuto la qualità rara di saper ascoltare. S’era formato come operaio del tessile, e aveva accompagnato e diretto le lunghe battaglie per il riconoscimento dei diritti agli operai della Marzotto di Valdagno. Sindacalista, segretario regionale della CISL, è stato pure segretario della Democrazia Cristiana, senza però mai mescolare la linea del partito con le lotte sindacali per i diritti del lavoratore.
Rimasto senza il padre, che era partito per l’Argentina senza più tornare, aveva voluto scoprire il luogo dove era vissuto e inginocchiarsi presso l’umile tomba che aveva finalmente trovato.
^ ^ ^
11 novembre 2017 – Pove del Grappa (Vi) / Pralormo (To). Siamo in viaggio per Alessandria e Pralormo (Torino), io, Giuseppe, e Stefano in compagnia di Luisa e Fabio Maroso; facciamo sosta ad Alessandria in visita agli amici soci di Macondo, Silvio Fioravanti e Gianni Porta.
Poi ripartiamo per Pralormo per una cena sociale, familiare, organizzata da Dino Mazzocco, socio di Macondo. La serata è fredda e c’è un poco di foschia la notte. La cena di cucina locale è a base di tartufo.
^ ^ ^
16 novembre 2017 – Bassano del Grappa (Vi). Giuseppe, nostro presidente emerito, è stato ricoverato in ospedale per embolia polmonare; resterà in reparto medicina per undici giorni, onde superare la crisi e avviare una cura che ricostruisca il suo organismo; amici, parenti e soci gli faranno visita affettuosa durante il ricovero.
^ ^ ^
18 novembre 2017 – Verona. Mario Granatello presenta il suo libro di poesie, di cui Giuseppe, degente in ospedale, avrebbe dovuto fare la presentazione. L’autorepoeta ha letto l’introduzione scritta da Giuseppe, di cui voglio citare una frase: «Parlare è toccare… uno scambio tranquillo, anche se ovvio, costruisce relazione… una parola amica rispettosa… può allacciare, anche solo per un attimo, due volti, due menti, se non due cuori». La poesia infatti è la parola che costruisce cose nuove e cose antiche, e pone il lettore dentro le maglie di relazioni inattese.
L’incontro è continuato tra musiche, canti e liete, giocose conversazioni.
^ ^ ^
30 novembre 2017 – Rio de Janeiro (Brasile). Si sono concluse le attività 2017 del Progetto MotivAzione degli adolescenti della scuola comunale João Gulart; c’è stato un momento di fraternizzazione rallegrato dal pranzo nella Casa di Maria. I ragazzi e le ragazze hanno addobbato la sala e preparato la mensa.
^ ^ ^
Fine novembre-dicembre 2017 – Campese (Vi). Numerose sono state le visite di amici che hanno voluto rivedere il vecchio convalescente, che ama la compagnia degli amici e non vuol cedere alle lusinghe della resa, alle parole sotto tono, che lo persuadono a vivere dentro il limite, quando ancora sono alte le montagne e il fiume ne conduce a valle i messaggi e gli inviti. Ecco i loro nomi: Dario e Alessandra; Anna, Lidia e Umberto; Franco e Nadia; Paolo Alfier con tre sacerdoti: don Albino Bizzotto, don Gianni Gambin e don Giuseppe Masiero alla vigilia della Immacolata. Francesco Monini, direttore di Madrugada. E tanti altri. Leonardo Pinna passerà con Gaetano e Giuseppe le feste di Natale. E poi dopo la Madonna Fredda, è arrivata la neve, alta, densa, bianca a coprire tutto. Ma non copre il ricordo delle persone care che sono passate per casa, i loro volti, le parole, le battute, le raccomandazioni e gli appuntamenti futuri. A fine anno arriveranno anche don Piero Battistini con alcuni amici di san Giovanni in Marignano, per salutare, bene augurare e per assaggiare insieme i piatti tradizionali della Romagna.
^ ^ ^
1 dicembre 2017 – Rio de Janeiro (Brasile). Milse ha preparato nella «Casa di Maria» uno spettacolo di musica, poesia e arte, che aveva come tema centrale il mistero e il fascino del Santo Natale, dedicato alle persone anziane che, numerose, vi hanno partecipato per la gioia e l’allegria del piccolo Matteo.
^ ^ ^
9 dicembre 2017 – Rio de Janeiro (Brasile), Casa di Accoglienza di Maria. Abbiamo organizzato in Casa un laboratorio per imparare assieme alle ragazze come si organizza, si prepara e si addobba una festa di compleanno per bambini cui partecipano gli amici, le mamme, i papà.
Sono nate idee, fantasie che hanno dato entusiasmo al gruppo di studio, pronto alla prossima chiamata in opera.
^ ^ ^
13 dicembre 2017 – Rio de Janeiro (Brasile). Conoscete Morada da Esperança? Le ragazze, a conclusione delle attività ivi svolte, hanno presentato lo spettacolo «Avventure a Rio de Janeiro», che propone la storia di due artisti del nordest del Brasile che fanno un viaggio a Rio de Janeiro; immaginate due contadini che provengono dalla campagna povera del nordest e arrivano in città: quante sorprese e quanti inaspettati divertimenti e quante scenette gustose! Lo spettacolo è stato seguito dai genitori e dagli amici che lo hanno sostenuto, tra risate e battimani frequenti.
^ ^ ^
15 dicembre 2017 – Bassano del Grappa (Vi), sala comunale. Gianpaolo Burbello presenta l’iniziativa della Pasticceria Milano, che mette in vendita i panettoni di Natale per consegnare ricavato in denaro ai cappuccini di Bassano, che distribuiscono ogni giorno il pranzo ai bisognosi.
I panettoni sono di fattura artigianale, con certificazione biologica. Alla presentazione dell’iniziativa sono presenti una rappresentanza del Comune e di Macondo.
In contemporanea, l’associazione Iess con il suo presidente ha illustrato l’iniziativa oramai tradizionale della cena di capodanno, allestita all’Istituto Graziani e dedicata alle persone che non hanno modo di festeggiare in famiglia le feste natalizie.
^ ^ ^
25 dicembre 2017 – Bassano del Grappa (Vi), Villa san Giuseppe. Santa messa di Natale con gli amici di Macondo. Celebrano assieme Gaetano e Giuseppe. Il primo raccoglie alcuni pensieri che ci hanno accompagnato durante l’avvento, concentrando l’attenzione su alcune parole o frasi: «E venne un uomo, il suo nome era Giovanni», e poi Dio che si fa uomo in Gesù, chiede a noi di essere umani, vale a dire accoglienti. Giuseppe alterna le riflessioni sul senso della vita (uscire dal proprio Io per incontrare il fratello) con la lettura di alcuni testi, letti da Chiara e Baldassare.
^ ^ ^
1 gennaio 2018 – Campese di Bassano del Grappa (Vi). Rivediamo Luigi Zuccheri, attualmente convalescente dopo il lungo ricovero all’ospedale di Vicenza. Nell’occasione ci ha consegnato un CD contenente le canzoni del suo gruppo musicale.
Di Luigi tutti ricordiamo l’allestimento di tante feste di Macondo, preparate da lui assieme a un gruppo di volontari soci di Macondo. Auguriamo a Luigi una buona ripresa di vita.
^ ^ ^
3 gennaio 2018 – Valrovina di Bassano del Grappa (Vi), contrada Privà. Dietro invito di Matteo e Lisa, Giuseppe e Gaetano salgono a Privà, pranzano al campo invernale dei ragazzi/ragazze di Macondo suoni di sogni, che si sono ritrovati per una settimana nella casa della dottoressa Chiara Perteghella, costruendo laboratori di musica, conversazione, panificazione, cucina, attorno a un tema pertinente, qual è la presa di coscienza di sé: «Forza e debolezza». Gaetano e Giuseppe hanno poi risposto ad alcune loro domande, depositate su biglietti dentro un cesto di vimini.
^ ^ ^
13 gennaio 2018 – Bassano del Grappa (Vi), Villa san Giuseppe. Giunta al termine del triennio, l’Associazione Macondo è chiamata al rinnovo delle cariche associative. Il presidente uscente tiene un consuntivo delle attività svolte. Il presidente dell’assemblea Gianni Pedrazzini passa poi la parola ad Alessandro Bruni che presenta il blog di Madrugada. Continua Monica Lazzaretto che prende spunto dalla lettera, scritta a tre mani, che ha dato luogo a un nuovo risveglio; Angelo si sofferma sui processi formativi degli adolescenti.
Suggestiva la conversazione di Antonio e Cristina Bolzon di ritorno dal Sud Sudan. Poi la parola a Matteo Giorgioni, che ricorda assieme ad alcuni giovani adolescenti l’esperienza dei campi. Giovanni Realdi suggerisce di mettersi in sintonia con il linguaggio e i pensieri delle nuove generazioni. Seguono le votazioni che confermano il presidente uscente Farinelli e rinnovano la segreteria che introduce una giovane donna, Laura Mondin, e con lei Monica Lazzaretto in Miola, Paolo Costa, Gianni Pedrazzini, Angelo Coscia, Andrea Agostini. L’assemblea si scioglie sulle ultime parole del presidente eletto.
^ ^ ^
17 gennaio 2018 – Bassano del Grappa (Vi), Liceo Brocchi. Ritornare tra i banchi di scuola è sempre un’emozione. E così, uno dopo l’altro, in ordine alfabetico, Gaetano e Giuseppe parlano di volontariato, l’importanza del dono, della gratuità, la voce critica sul sistema e poi raccontano le mille storie che hanno illustrato i loro viaggi e incontri. Le ragazze di quinta sono attente, qualcuna a volte controlla il quaderno dei compiti, ma poi rientra nel flusso delle voci dei due ospiti. Al suono della campanella ci congediamo dalla classe e dalla professoressa di religione Alessia. È il momento della pausa caffè con brioche. Tanti saluti.
^ ^ ^
19-23 gennaio 2018 – Rio de Janeiro (Brasile), Casa di Maria. Hanno attraversato i mari, superato gli oceani e hanno battuto alla nostra porta due volontari olandesi, Twan e Pauline, a chiedere ospitalità nella Casa di Macondo per il periodo di tempo in cui parteciperanno alle attività dell’Associazione Amar, poco distante da casa nostra. Milse ha fatto gli onori di casa, con un linguaggio composito di idiomi vari, della voce, delle mani e del volto e li ha introdotti nelle loro stanze.
^ ^ ^
21 gennaio 2018 – Comacchio (Fe). Nel santuario di Santa Maria in Aula Regia, il vecchio prozio si accinge a battezzare l’infante Chiara Boccaccini. Lo accoglie in sacrestia frate Juan Batista. La navata si empie dei parenti e amici, in fondo sulla porta d’ingresso i genitori chiedono il battesimo della figlia. Essere cristiani significa rinunciare al proprio io per essere servi del fratello. La piccola ascolta e tace. Muove il capo inondato dall’acqua del battesimo. E piange, mentre la mamma le asciuga il capo. I fedeli battono le mani che accolgono la piccola tra di noi.
^ ^ ^
23 gennaio-1 febbraio 2018 – Rio de Janeiro (Brasile). Abbiamo avuto come ospite nella Casa Joana Souza Ferreira, brasiliana, oggi residente in Italia, tornata per breve tempo a Rio, per recuperare la sua documentazione scolastica, ma anche per rivedere gli amici e riascoltare la melodia brasileira della sua lingua madre, nonché riabbracciare gli amici.
^ ^ ^
28 gennaio 2018 – Bassano del Grappa (Vi), Villa San Giuseppe. Stoppiglia don Giuseppe viene insignito del titolo di Archimandrita (pastore del gregge) dal Primate della chiesa cristiana antica di Rito Gallicano, Mons. Giovanni Climaco Mapelli. Commovente è stata la consegna dei simboli e la benedizione del vescovo. Una folta assemblea di amici e parenti assiste al rito e il coro delle donne canta inni di gioia e di grazie, accompagnato da Mirco alla tastiera; poi tutti insieme si festeggia l’anziano sacerdote in un lieto convito. La giornata è luminosa e il sole splende alto in cielo. Auguri a Giuseppe, pastore di un gregge che cammina e si espande in Italia e oltre i confini.

Gaetano Farinelli con la corrispondenza di Mauro Furlan (da Rio de Janeiro)