logo macondo

Associazione MACONDO

per l'incontro e la comunicazione tra i popoli

Macondo e dintorni

di Farinelli Gaetano

3 febbraio 2019 – Rio de Janeiro, Brasile. Riprendiamo le attività del Progetto MotivAzione alla «Morada da Esperança». Per le ragazze del progetto è tempo di proporre teatro, entrare in scena, fare esercizi e giocare sui modelli di interpretazione. In questo nuovo anno l’obiettivo è quello di incentivare l’avventura teatrale attraverso le fiabe che avranno come protagonisti fate, draghi, gnomi, sirene, animali parlanti, streghe e unicorni.
11 febbraio 2019 – Rio de Janeiro, Brasile. Entriamo nel terzo ciclo di teatroterapia per adulti. Sarà un cammino che avrà come obiettivo la conoscenza di sé, passando attraverso i campi fioriti della gioia, le voci del dialogo e le mani della creatività. La proposta è indirizzata agli adulti che vogliono vivere momenti di riscoperta delle proprie potenzialità creative. Il teatro è incontro, mette in opera i primi germogli in un collettivo di persone, con le loro differenze e singolarità che creano i colori dell’invenzione. L’incontro con l´altro non è solamente appuntamento di superficie, ma anche riverbero dell’interiore che sollecita l´interiore altrui.
16 febbraio 2019 – Bassano del Grappa (Vi), Villa San Giuseppe. Prima dell’incontro i convitati visitano la falegnameria della villa, che sarà presto ripulita dai giovani di Macondo. Poi si passa in una sala della villa Angaran dove prepariamo le due giornate della festa. Si apre poi una conversazione sulla richiesta di uno spazio da richiedere all’interno della Villa San Giuseppe. Viene fatto anche un preventivo per un’eventuale sistemazione. L’amanuense, che stende la relazione dell’incontro, appunta l’aggiornamento del prossimo incontro al Graziani.
16 marzo 2019 – Bassano del Grappa (Vi). Ci siamo ritrovati all’istituto Graziani con una trentina di persone. C’erano anche due giovani donne di Treviso che avevano richiesto di conoscere Macondo e le attività connesse. Dopo una breve introduzione di Andrea Gandini ci siamo divisi in piccoli crocchi di tre; e poi in secondo momento ci siamo disposti per gruppi di interesse: viaggi e progetti; campi di formazione giovani; comunicazione; convegni. Dopo il pranzo, alla ripresa dei lavori in assemblea generale, sono stati esposti su di un cartello le idee, le proposte, gli orientamenti che si erano presi; si è così costruito un progetto complessivo di decentramento; a piccoli passi, seminando nuove occasioni. Enrico Stievan e Roberto Beltramello avranno un incontro con la direzione della Villa per una nuova sede di Macondo.
16 marzo 2019 РRio de Janeiro, Brasile. Continuano gli incontri di teatro pedagogico con ragazzi e ragazze. Il sabato si anima di sentimenti, si effonde in colori, inventa storie divertite, propone nuove scene e sparge nuova allegria. Lo chiamiamo teatro pedagogico. Molte cose belle che invitano i ragazzi e le ragazze a essere s̩ stessi. Una mattinata per sperimentare il processo creativo, usando lettura, immaginazione e amicizia. Un modo nuovo di integrare, socializzare idee, apprendere in modo ludico, tradurre le proprie emozioni, per incontrare nel mondo s̩ stessi.
17 marzo 2019 – Campese di Bassano del Grappa (Vi), Abbazia di Santa Croce. Tra i banchi della comunità locale prende posto un manipolo di pellegrini. Sono amici e parenti di Andrea ed Elisabetta Agostini, che hanno portato al battesimo Giulio Mario, preceduto dalla sorella Agnese che si accosterà alla prima comunione. All’altare i sacerdoti attendono in preghiera. Agnese è felice di ricevere da don Giuseppe il pane degli Angeli e fare festa con le amiche, i genitori e i familiari. Giulio Mario, pur tra pause di silenzio interrotte da alti richiami e trilli, riceve dalle mani del celebrante, tra le invocazioni dei santi, l’acqua del battesimo e la benedizione dello Spirito Santo. Nel cortile antistante la chiesa della vecchia abbazia ci troviamo per le foto, poi di corsa al ristorante dei Contarini per il pranzo e riprendere la festa e l’allegria con i pellegrini da Arzerello.
23 marzo 2019 – Ferrara. Redazione di Madrugada al CDS di via Marconi. Oggi si sono aggiunti due ospiti: Elena Buccoliero e Bruno Vigilio Turra. Egidio Cardini ha proposto un nuovo monografico sul tema dei sovranismi; ne ha enunciato l’eventuale sviluppo: sovranismo e individualismo; sovranismo e rete informatica; un identikit del sovranista contemporaneo; le vittime del sovranismo. Farinelli accenna a due monografici: sulla Cina e sul perché della violenza sulle donne. Elena pensa a voce alta a un monografico sull’infanzia, sui minori. A Daniele Lugli viene affidato il compito di preparare un monografico su Alexander Langer. Si apre un dibattito sul liberismo, che è la piaga dell’economia ed è una conseguenza e insieme la causa dell’individualismo. A cena riprendono le conversazioni in libertà. La prossima redazione si terrà ai 21 di settembre, a Ferrara, in via Polidrelli 21.
23/24 marzo 2019 – Mira (Ve). Il gruppo giovani di Macondo (undici persone tra i 16 e i 28 anni, coordinate da Laura Mondin ed Enrico Stievano) visita la comunità terapeutica Olivotti, dove vengono ospitati ex tossicodipendenti e richiedenti asilo. Li introduce la dottoressa Monica Lazzaretto Miola, che a cena parlerà della sua esperienza in Burundi. Il signor Medi, un mediatore di origine iraniana, fa da guida negli esercizi teatrali che favoriscono fiducia e scambio tra i tre gruppi. Nella cena del sabato si condivide un’ottima pizza preparata dagli utenti; poi si gioca assieme, fino alla ritirata notturna. Alla domenica, prima di pranzo, tre «richiedenti asilo» raccontano le proprie storie. Sono momenti emotivamente carichi per chi racconta e per chi ascolta, avventure di persone scappate da povertà, guerra, corruzione. A pranzo il cuoco afghano, Rakh, prepara un pasto abbondante, sostanzioso, di riso e pollo. Immersi nel primo sole della primavera, formando una roda di condivisione, facciamo il punto delle giornate con l’animo grato per l’esperienza vissuta assieme. L’incontro si scioglie tra giochi, canti e si rientra ciascuno sul sentiero del proprio quotidiano.
25 marzo 2019 – Rio de Janeiro, Brasile. È arrivata Maria Grazia Tonon di Casa Respiro in Morgano, provincia di Treviso. Maria ha parenti nello stato di Spirito Santo, fa sosta a Rio de Janeiro e si ferma una notte nella Casa di Maria. Saranno due giorni di amicizia fraterna, visitando progetti sociali e alcuni luoghi simbolici della città, ricordando percorsi di vita similari e il comune impegno sociale, ristorando l´anima per superare il negativo e camminare sui sentieri della fiducia.
29 marzo 2019 – Piovene Rocchette (Vi). I macondini locali hanno organizzato una cena solidale a sostegno dell’attività di padre Christian Carlassare, comboniano in missione in Sud Sudan a Moroyok, vicino a Juba, impegnato nel campo dell’educazione, delle cure sanitarie, dell’agricoltura e della riconciliazione. Per tutto il pomeriggio molte mani femminili hanno pelato una montagna di carote, sedano e patate, per preparare un pentolone di minestrone saporito, portato in tavola e versato su un centinaio di piatti fumanti, molto apprezzati dai commensali… Finita la cena è intervenuto padre Celestino Seabra, nato in Mozambico, ma vissuto a lungo in Sud Sudan: ha parlato de «La pace… che verrà», in coda a una guerra tra Nord e Sud Sudan durata 40 anni e dopo una breve parentesi di indipendenza; nel 2013 s’è accesa una guerra civile combattuta tra le tribù dei Dinki e dei Nuer per il potere. Padre Celestino ha descritto la condizione di un popolo poverissimo, che subisce una guerra tra fratelli e insieme soffre per i cambiamenti climatici che hanno provocato la riduzione drastica dei raccolti. La serata si è conclusa con una lotteria, che metteva in palio i lavori preziosi delle donne di Macondo, e una bambola ricciuta, piovuta chissà da dove, tra i commenti ironici dei presenti, che intanto pasteggiavano dolci prelibati…
31 marzo 2019 – Campese di Bassano del Grappa (Vi). Battesimo di Daniele Giorgioni, figlio di Matteo e Lisa, provenienti dalla Sardegna, giunti in paese assieme agli amici e parenti e al gruppo dei ragazzi di Macondo Suoni di Sogni. In processione la teoria dei presenti ha raggiunto il battistero, dove un vecchio sacerdote, provato dagli anni e dalle intemperie della vita, ha versato l’acqua sul capo del bimbo attonito nella visione degli angeli e dei santi, che la folla invocava insieme allo Spirito di sapienza e di forza. Con un canto di festa e allegria si chiudeva la cerimonia solenne, mentre i bambini si raccoglievano attorno al cero pasquale, prima della foto ricordo in gruppo sui gradini del presbiterio.
3 aprile 2019 – Campese di Bassano del Grappa (Vi). Filippo Dalla Valle di ritorno dall’India ha raccontato il suo viaggio, la permanenza a Calcutta, il lavoro svolto con le bambine e i bambini attraverso un articolato progetto musicale. Macondo ha contribuito alla realizzazione del progetto. Filippo ci ha mostrato un filmato che riprende le tre fasi del progetto, realizzato nel torno di quattro settimane. Il progetto, opera dell’associazione di promozione sociale Café Tuba, si è svolto presso la scuola Khushi Ghar, nel quartiere di Nimtala a Calcutta, con l’obiettivo di portare tra i bambini e le bambine la musica intesa come valore educativo.
13 aprile 2019 – Bassano del Grappa (Vi), Villa Angaran-San Giuseppe. Nell’ambito del progetto che vede il «Gruppo giovani» operare sul territorio di Bassano, Laura Mondin ed Enrico Stievano hanno collaborato con la rete di associazioni che abitano la Villa nella gestione del Social Day. Si trattava di coordinare piccoli gruppi di studenti delle scuole medie nella pulizia degli spazi esterni. Le classi collaboranti vengono ricambiate con delle donazioni che saranno poi devolute a dei progetti di assistenza e formazione scelti dagli studenti stessi. La mattinata si è conclusa con due appassionati di storia che hanno narrato le curiose vicende della villa. Ai coordinatori volontari è stato offerto il pranzo alla trattoria sociale Todo Modo. La giornata ha avuto anche la funzione di conoscenza reciproca e di apprendimento dell’organizzazione della Villa.
21 aprile 2019 – Campese di Bassano del Grappa (Vi). Pasqua di Resurrezione. Il gran cerimoniere Stefano accompagna i sacerdoti all’altare. La chiesa è gremita. È presente la comunità di Campese, cui si aggiungono amici e parenti di Macondo. Alcuni arrivano da lontano, molto lontano. Nell’omelia l’anziano celebrante Giuseppe invita i fedeli a non lasciarsi mordere dall’odio, che è come il morso di un cane rabbioso, che non dà pace; il concelebrante Gaetano esorta i fedeli a misurare le proprie azioni secondo la fede che abbiamo ricevuto e la parola di Gesù. Il coro accompagna la santa messa con canti di giubilo. Cui i fedeli rispondono: amen, alleluia.
21/22 aprile 2019 – Schio (VI). Partenza del «Gruppo giovani» di Macondo, provenienti da Bologna e Schio; consumano il pranzo di Pasqua assieme, per poi spostarsi sull’altipiano dei Sette Comuni, dove incontrano chi arriva da Bassano. Trascorrono la serata di Pasqua in buona compagnia, conversando su quanto di questo tempo li circonda, poi nella giornata di Pasquetta organizzano l’animazione per i bambini della festa di Macondo che li attende a maggio. Le montagne della grande guerra li accolgono con benevola sobrietà.

Gaetano Farinelli con la corrispondenza di Mauro e Milse Furlan (da Rio de Janeiro) e la collaborazione di Daniela Baroni, Enrico Stievano e Laura Mondin.