Mese: Aprile 2022

Macondo e dintorni

Cronache dalla sede nazionale Gentile lettore, premetto che questa volta la cronaca procede per blocchi. Non del traffico o della polizia. Ma per blocchi di notizie, riflessioni, poesie, prediche, voci trascritte. Novembre 2021 – Messico. A Casa Gandhi tutti i fine settimana di novembre abbiamo organizzato laboratori con piante medicinali locali della montagna Huitepec, nel continua a leggere

Chiama le cose perché restino con te fino all’ultimo

Dare il voto ai presidentiPremessa necessaria: questo non è un toto presidenti. Per questo ci sono i super esperti, anche se l’elezione di un presidente della repubblica in Italia assomiglia all’elezione di un papa in Vaticano. È materia complicatissima, adatta più ad aruspici e indovini che a politologi e scienziati della politica. Com’è noto, nessuno continua a leggere

Ascolta: un paese vive se c’è chi ci vive

Con le parole di Massimo Angelini – che ringraziamo per averci donato un suo testo prezioso 1 – inizia una nuova rubrica di madrugada. L’obiettivo de i paesi di domani è duplice. Da una parte dar voce a chi contribuisce a far vivere borghi e colline, tradizioni e comunità. Dall’altra sviluppare anticorpi verso mode o continua a leggere

Benin

Un territorio piccolo ma davvero importanteIn Africa del Nord, attaccato alla Nigeria, si trova un piccolo Stato, con un lembo di costa sull’Oceano Atlantico meridionale, la Repubblica del Benin, abbreviato in Benin.Proprio per proteggere il suo pezzo di costa e i suoi corsi d’acqua, il Benin si è unito nel 2018 ad altri paesi dell’Africa continua a leggere

A volte succede

Darsi una mano: provare a capire cosa succede nell’altro, trovare un modo per stare vicino. Tentare qualche suggerimento, azzardare un consiglio.Le intenzioni, quelle sono le migliori, ma non sempre funziona.Troppo complesso il puzzle, troppi gli incastri. Le vite segnano. A volte succede che non si riesca a evitare un sentire profondo di solitudine. Intima. Interna. continua a leggere

Ieri sera è nata la mia sorellina

Tra le esperienze che incidono nella crescita, c’è indubbiamente il rapporto con i fratelli e le sorelle. Ne parlano spesso nei loro biglietti gli allievi di Renata Cavallari, l’insegnante di religione che da più di 10 anni, nella scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “C.Govoni” di Ferrara, dove insegna, si è resa disponibile allo scambio di messaggi. continua a leggere

Alzheimer, la malattia del Novecento

Maria ha 62 anni e 5 anni fa le è stato diagnosticato l’Alzheimer. In questi anni è molto cambiata. Ora ha problemi di memoria, linguaggio, movimento e coordinazione: non è più autonoma nel vestirsi, lavarsi, nutrirsi. È tornata bambina. Lettura, scrittura e tutte le attività ricreative sono state abbandonate, così come gli interessi e le continua a leggere

Il Novecento tra morte e risurrezione di Dio nell’uomo

«Noi crediamo che la Chiesa faccia appello al Regnodi Dio, al suo comandamento e alla sua giustizia eperciò debba ricordare ai governanti e ai governatile loro responsabilità.Essa si affida e obbedisce alla potenza della Parolamediante la quale Dio regge ogni cosa.Noi crediamo che il compito della Chiesa, fondamentodella libertà, consista nel rivolgere a tutto il continua a leggere

Novecento politico e sviluppo della democrazia

Un’inversione di tendenzaSuonano campane preoccupate e pessimiste sul futuro della democrazia nei nostri tempi convulsi di stagnazione economica e di pandemia globale.Chi si diletta di questi conteggi, come l’Economist, ha registrato nel 2020 la media globale più bassa dal 2006 di un indice di democrazia calcolato su parecchi indicatori essenziali, mentre solo l’8,4% della popolazione continua a leggere